Esserci senza mai esserci veramente. Sembra un assurdo paradosso ma è ciò che avviene per alcuni lavori. Essere un doppiatore è questo: prestare la propria voce ad un personaggio senza mai essere visto. Solitamente una voce segue l’attore per anni, a volte per l’intera carriera. Il pubblico associa viso e timbro di voce in un solo corpo ma le esistenze sono due. Il primo romanzo di Gaia Manzini, “La scomparsa di Lauren Armstrong” (Fandango Libri), parte da questa accoppiata: attore e doppiatore, il corpo e la voce. Eva Loi è la giovane doppiatrice italiana del personaggio nel titolo, star del cinema mondiale e diva indiscussa. Il doppiaggio ha creato un’alchimia indiscutibile con l’attrice, una perfetta sintonia tra le movenze di Lauren e le tonalità di Eva. Ma l’incanto si rompe quando di Lauren Armstrong non si ha più notizia e nessuno sa dove sia andata. Non è facile immaginare cosa accada nei sentimenti di un doppiatore quando la propria voce non ha più corpo. L’autrice ci introduce in un mondo di cui difficilmente abbiamo avuto riflessioni, lasciando che la sua protagonista segua un percorso a ritroso, scavando non solo nelle motivazioni della propria professione e della propria vita. Anche la madre era scomparsa nel nulla, rifugiandosi a Berlino l’anno della caduta del muro, allontanandosi insoddisfatta della propria vita familiare e malata di leucemia. Eva vuole rintracciare quella presenza, vuole trovare i sentimenti capaci di colmare l’assenza. Una scrittura asciutta ed equilibrata quella di Gaia Manzini, che conferma la sua capacità letteraria già mostrata nella raccolta di racconti “Nudo di famiglia”. Un interessante paradosso tematico che ci riporta alla scoperta della responsabilità dell’assenza, dell’esserci senza apparire.

In una contemporaneità malata di presenzialismo questo non può che essere un romanzo dirompente che pone nella sua semplicità realistica un interrogatorio senza possibilità di fraintendimenti. Esserci è più importante che farsi vedere?
Un applauso a chi, nell’era dei social network, saprà rispondere con coraggio.

“La scomparsa di Lauren Armstrong” di Gaia Manzini
edito da Fandango Libri
pp. 314  -  euro 15