Il 17 luglio 1989 Luciano lacopi, soprannominato “Gasparello”, sedicente imprenditore, viene assassinato a Forte dei Marmi nel garage di casa sua con diciassette coltellate. Del delitto vengono accusati la moglie, Maria Luigia Redoli, e il suo amante Carlo Cappelletti. Lei è un’avvenente cinquantenne biondo platino, impegnata soprattutto a divertirsi, a spendere i soldi del marito...