"Dans l'S, à l'heure d'affluence"
cominciai a leggere.
Oggi è un vizio, un lavoro,
un piacere da condividere.
"D'amore si muore ma io no" di Guido Catalano (Rizzoli)

“D’amore si muore ma io no” di Guido Catalano (Rizzoli)



. Guido Catalano presenta il suo primo romanzo “D’amore si muore ma io no” (Rizzoli). “Raccontare un amore che nasce è quasi impossibile. Perché quando quel misto di fragilità, gioia e speranza ci invade, le parole mancano. Ouasi sempre. Nel suo primo romanzo, Guido Catalano compie un piccolo miracolo: scrivendo...
"Il matrimonio di mio fratello" di Enrico Brizzi (Mondadori)

“Il matrimonio di mio fratello” di Enrico Brizzi (Mondadori)



Enrico Brizzi parla del suo romanzo “Il matrimonio di mio fratello” (Mondadori). L’autore ci racconta la nuova narrazione ed i nuovi progetti con la casa editrice Giunti. Dal narrare quaranta anni di storia italiana attraverso i suoi personaggi alla passione per le camminate e l’escursione. . . “Il matrimonio di...
Come un pesce su una bicicletta - NOVARADIO CITTA' FUTURA

Come un pesce su una bicicletta – NOVARADIO CITTA’ FUTURA



“Come un pesce su una bicicletta” racconta libri, attualità e tutto ciò che viene in testa agli scrittori in orario serale. Un modo diverso per ascoltare la voce e il pensiero di chi scrive. Conduce Gabriele Ametrano. . Ogni lunedì alle ore 21.15, in replica il venerdì alle ore 21.15....
"La tregua" di Mario Benedetti (Nottetempo Edizioni)

“La tregua” di Mario Benedetti (Nottetempo Edizioni)



È sicuramente il libro più convincente che l’editoria italiana ha riproposto nel 2014. E lontano dall’essere il D’orrico della situazione, vi dico che “La tregua” non è un capolavoro ma una meraviglia lunga 240 pagine. Mario Benedetti è uruguayano: scrittore, poeta, professore universitario. Scomparso nel 2009, ha lasciato ai posteri...
Sull'inutilità delle etichette

Sull’inutilità delle etichette

da milanoNERA magazine (dicembre 2009) “Continuiamo così, facciamoci del male”. Se Nanni Moretti non avesse già detto questa frase sarebbe proprio il caso di inventarla. Facciamoci male, parliamo di letteratura come se fossimo al supermercato e vediamo chi è più bravo a tirar fuori dal cilindro una nuova etichetta o addirittura un nuovo genere letterario....
L'ordine è finzione

L’ordine è finzione

Il limite che la letteratura pone tra realtà e finzione è invalicabile, seppur variabile. Ogni romanzo, che sia esso storico, politico, tratto da una storia vera o parzialmente accaduta, non è tutta realtà. Sono canoni certi, in cui la critica è oramai comunemente d’accordo. Un ordine costituito. Di altra fattezza invece è il pensiero dei...
"Altravelocità" di Sandro Cappelletto (Giunti)

“Altravelocità” di Sandro Cappelletto (Giunti)

da milanoNERA (18 novembre 2009) C’è un’esperienza che è comune a tutti: il ritardo dei treni. Specialmente se italiani, i viaggiatori sono ormai rassegnati. Non è più una casualità, un raro incidente di percorso: cinque minuti di ritardo sono un brivido di felicità, quindici una consuetudine mentre trenta cominciano ad essere una prima prova di...
"Brucia la città" di Giuseppe Culicchia (Mondadori)

“Brucia la città” di Giuseppe Culicchia (Mondadori)

Per le recensioni letterarie una delle più cortesi regole di Indro Montanelli fu quella di parlare dell’autore se la critica era spietata e scrivere del libro se invece prevedeva un buon giudizio. Non è per contravvenire alla gentilezza ma alcune volte bisogna invertire le indicazioni: è una necessità deontologica per il critico e una buona...
"Il badante di Che Guevara" di Mario Castelnuovo (Salerno Editrice)

“Il badante di Che Guevara” di Mario Castelnuovo (Salerno Editrice)

Che i giovani e gli anziani siano in conflitto è oramai cosa assodata: è una questione generazionale, una diversa visione morale, quasi una contingente necessità sociale. A questo manca, alcune volte, la voglia di capire, di accettare le condizioni primitive della specie e il mondo che cambia. E se nel cattivo dialogo è l’ideologia politica...
"Il disordine" di Carlo Mazzoni (Salani Editore)

“Il disordine” di Carlo Mazzoni (Salani Editore)

Parlare di potere è oramai scontato. L’attualità ci ha purtroppo insegnato quanto i potenti possano decidere la nostra vita. È sufficiente una posizione lavorativa dirigenziale, una capacità economica superiore o semplicemente un’influenza su cardini sociali, e la serenità che abbiamo immaginato curare sotto una teca di cristallo si trasforma in agonia. Sebbene continuiamo a porci...
Nel dentro del dentro. Lettere dal manicomio

Nel dentro del dentro. Lettere dal manicomio

Tonino era un marinaio, anima leggera di questo mondo. Girò per l’Europa nelle sue convinzioni socialiste ma terminò la corsa improvvisamente, rinchiuso in manicomio. Giacomo invece era un ragazzo semplice nato in una famiglia troppo complicata. A diciotto anni ricevette la sua prima cura, il primo elettroshock; poi il ricovero, l’internamento, il buio. Sono gli...
"Senza francobollo" di Bernardo Baratti (Manni Editore)

“Senza francobollo” di Bernardo Baratti (Manni Editore)

Nella congestionata velocità contemporanea alcuni gesti sembrano essere svaniti. Scrivere una lettera, imbustarla e apporre un francobollo fa parte di quelle azioni che risiedono solo nella memoria, o nell’immaginazione. E questa seconda ha accompagnato il fiorentino Bernardo Baratti, psicologo e già scrittore, nella composizione della sua terza opera narrativa: “Senza francobollo”, edito da Manni Editore....
"Carovane tra le pagine" di Giada Valdannini (Gaffi Editore)

“Carovane tra le pagine” di Giada Valdannini (Gaffi Editore)

Con l’estate le pagine dei giornali si rilassano. Si passa dalla cronaca feroce al dolce raccontar storie, dalla politica di palazzo alle corride tra barche a vela e dichiarazioni da sol leone, quasi agosto coprisse con una patina di calore anche le menti dei lettori, sdraiati sulla spiaggia con un velo di crema protettiva spalmata...
La coscienza di un nuovo futuro

La coscienza di un nuovo futuro

Questo articolo lo leggerei ad alta voce davanti ad una platea di padri, gli stessi che quaranta anni fa urlarono al sistema i loro diritti. Nello stesso pubblico vorrei però che vi fossero anche miei coetanei, figli che ancora guardano il sessantotto con la nostalgia di un presente che non li riguarda. “Nel passato che...
Pollice verso per la bassa qualità letteraria

Pollice verso per la bassa qualità letteraria

Nell’antica Roma, nel polverone dell’arena in cui gladiatori, bestie e cristiani combattevano per la vita, a volte le dispute terminavano con il pollice dell’imperatore. Il popolo invocava la grazia o il sangue a seconda del valore di quell’uomo a terra il cui destino in pochi secondi sarebbe stato decisivo. Solo il pollice rivolto al cielo...
Passaggi obbligati

Passaggi obbligati

Ci sono tappe che non possiamo eludere. Superare gli ostacoli, costruire scorciatoie, guardare più lontano, questo si, possiamo farlo, ma non saremo mai capaci di evitare le tappe della vita. Neonati ci vestiranno, ancora bambini qualcuno c’imboccherà e deciderà per noi, poi l’adolescenza maturerà una crisi finché questa crisi non assumerà nome di “adulto”. È...
L'altra verità della menzogna

L’altra verità della menzogna

da Hideout.it (10 agosto 2007) “Il mio primo incontro con lei ha confermato quello che sospettavo fin dall’inizio. Lei è un imbroglione, un ciarlatano e un impostore.” Adrian Healey, in effetti è il protagonista più bugiardo che si possa incontrare nelle pagine di un libro. Nato dalla geniale fantasia di Stephen Fry, questo ragazzo narratore...
La società delle banane

La società delle banane

Era l’estate del 2006, non troppo lontana per non ricordare le strette al cuore che la nazionale di calcio regalava al popolo di tifosi della penisola, non così vicina per non guardarla con lucidità e consapevolezza. C’era il caldo torrido di un luglio da leoni, 57 milioni d’abitanti di cittadinanza italiana attaccato allo schermo e...
Il verso ritrovato di Filippo De Pisis

Il verso ritrovato di Filippo De Pisis

La critica è, a volte, la spada di Damocle che determina la riuscita dell’opera d’arte. A seconda della sua collocazione temporale, una raccolta poetica risulta eccellente o inadeguata ai gusti, può essere pubblicata o cestinata, esaltata o dimenticata. In queste dinamiche l’autore deve remare con estrema forza e determinazione in un mare dalle mille variabili,...
Salvi, per sopravvivere ancora

Salvi, per sopravvivere ancora

da Hideout.it (28 novembre 2006) Quadri di vita chiusi in capitoli brevi, tante piccole scene di quotidianità che quattro personaggi, legati tra loro dall’amicizia e dall’amore, vivono con la sincerità del momento. Lorenzo ha appena iniziato a lavorare in una libreria, dove il grottesco si mescola alla serietà della cultura. Giampiero è stato lasciato dalla...
L'apparenza inganna

L’apparenza inganna

da Hideout.it (27 ottobre 2006) Omosessualità, prostituzione, corruzione. No, non si sta parlando del mondo occidentale ma della contemporaneità de Il Cairo, in Egitto. Palazzo Yacoubian è la saga di un condominio, la storia di uomini che abitano un palazzo in pieno centro cittadino. Ogni piano ha il suo pianerottolo, il suo dirimpettaio, la propria...
La luce della memoria

La luce della memoria

da Hideout.it (27 settembre 2006) In quanti ci siamo dimenticati della Somalia? Quanti quelli che conoscono le condizioni politiche e umane in cui il popolo somalo vive attualmente? L’oblio e la noncuranza riguardo questa terra è un abisso che molti di noi incontrano al loro cammino. Fu la terra ove l’umanità prese forma di ominide;...
L'insostenibile leggerezza dell'immutabilità

L’insostenibile leggerezza dell’immutabilità

da Hideout.it (01 giugno 2006) Inverno 1973. La crisi economica colpisce ai fianchi l’Italia. Gli imprenditori che hanno puntato sull’ascesa capitalistica scoprono con delusione di essere solo piccoli pesci alla mercè di gruppi squalo. Le fauci si possono serrare in ogni momento, così compromessi e complotti sono l’unica speranza di poter vivere. Naturalmente, nella dura...
L'innocenza della bellezza

L’innocenza della bellezza

da Hideout.it (05 aprile 2006) Nella caotica vita moderna qualcosa si è perso. Se si è in cima ad una piramide aziendale, poi, del mondo che ci circonda sicuramente si è perduta l’innocenza e il colpo d’occhio sulle piccole cose. È un momento storico particolare il nostro, ricco di velocità tecnologiche, arrampicate sociali e mediatiche,...
L'ultima illuminazione

L’ultima illuminazione

da Hideout.it (20 marzo 2006) Roche è una cittadina francese nel dipartimento delle Ardenne. Il cielo qui non ha mai avuto sfumature, solo un colore grigio che entra nelle ossa e nei pensieri. Nel 1891 però un avvenimento inaspettato turbò la tranquillità immobile delle campagne: una ventata d’aria calda infuocò le antiche pene e riaccese...