Metti tre giovani pseudo intellettuali ad un tavolo del bar, chiedi loro cosa fanno nella vita e sotto i tuoi piedi si aprirà un baratro in cui vorrai velocemente cadere. Che tu sia in un pub della Soho londinese, in un caffè notturno della Santo Spirito fiorentina o nell’ambiente dell’intellighenzia liberal della East Coast americana non ha importanza. Quelli che hai davanti sono tre soggetti il cui unico scopo della vita è mostrare il proprio ego, nudo e con il membro eretto in bella vista. “Tutti gli intellettuali giovani e tristi” (Einaudi) ha fotografato in posa plastica tre brillanti e quantomai aberranti intellectuals statunitensi in storie che mai s’incontreranno. Ed il risultato è una foto così dettagliata che quel pene creduto di onorevoli dimensioni è invece un piccolo e indifeso mostriciattolo attaccato a teorie e speranze di inutile conto. Mark, dottorando alla Syracuse, sta scrivendo una tesi sui menscevichi russi, con continui parallelismi tra la sua vita distrutta dalla separazione con la moglie moscovita Sasha e le sorti della popolazione. Sam Mitnick è invece l’aspirante autore di un “incredibile” saggio sulla grande epopea sionista, ancora non scritto, senza un’idea ben chiara ma di cui lo stesso ha ricevuto già un anticipo dalla casa editrice. Ultimo dei tre è Keith, laureato ad Harvard, che con una sete di riscatto che lo accomuna alle peggiori menti criminali: scrive di politica per due quotate riviste e cerca di metabolizzare la sconfitta politica dei democratici del 2000 rimpiangendo costantemente una relazione mai avuta con la figlia del Vicepresidente. Assurdi, saccenti, poco intellettuali e molto sfigati: ripiegati su momenti di vita inesistente, tra una tragedia greca e una amorosa, tra un pensiero alla grande Storia e uno al portafoglio, i tre saranno incapaci di comprendere la realtà e se si avvicineranno a qualsiasi verità piangeranno miseramente sulle loro sfortune. Saranno giovani per molto tempo ancora, rimarranno tristi ma intellettuali non lo diventeranno mai.

.

“Tutti gli intellettuali giovani e tristi” di Keith Gessen

edito da Einaudi

pp. 258  –  euro 20

.

da Lungarno

.